Botte e coltellate alla fidanzata che perde il bambino

martedì 31 Agosto 2010 - Cronaca

Botte e coltellate alla fidanzata che perde il bambino Gli uomini della questura di Bergamo stanno indagando su un episodio di violenza avvenuto ai danni di una giovane donna bergamasca di 25 anni, incinta di tre mesi. La ragazza ha denunciato di essere stata percossa e accoltellata dal fidanzato marocchino. In seguito alla brutale aggressione la giovane ha perso il bimbo che aveva in grembo. Ad essere denunciato è stato un uomo di 40 anni ma sulla vicenda la polizia mantiene uno stretto riserbo.

Calci e pugni, persino un’accoltellata. Così una giovane donna bergamasca di 25 anni, picchiata a sangue dal suo fidanzato marocchino, ha perso il bambino di 3 mesi che portava in grembo.

L’ennesimo episodio di violenza sarebbe avvenuto sabato scorso in città. A segnalare l’aggressione ai Carabinieri è stata la stessa ragazza bergamasca che, ancora sotto choc, ha indicato alle forze dell'ordine come responsabile della violenza il suo fidanzato quarantenne.

Aggressione – Sulla vicenda, di cui si sta occupando la Questura di Bergamo, vige il più stretto riservo.
Oltre all’apertura di un’indagine ufficiale, quel poco che si sa è che la polizia sta cercando da due giorni il marocchino, senza però essere riuscita a rintracciarlo: l’uomo, infatti, si sarebbe reso immediatamente irreperibile.

Secondo la testimonianza della donna, sabato sera i due giovani si trovavano nell'abitazione di lui, a Bergamo, quando tra i due è nata una lite. A un certo punto il magrebino ha iniziato a picchiare la sua fidanzata, colpendola con calci e pugni, poi ha afferrato il coltello e l'ha ferita all'addome. Il marocchino ha tentato di trattenere la vittima nell'appartamento, ma la ragazza è riuscita ad aprire la porta e a scappare per strada, dov'è stata soccorsa.

La 25enne è ora ricoverata in gravi condizioni agli Ospedali Riuniti di Bergamo. Sottoposta a un'operazione chirurgica, non è più in pericolo di vita, ma le ferite riportate hanno causato la perdita del bimbo.

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle