Rubano i dati del suo conto online, sventata una truffa

martedì 30 Novembre 2010 - Cronaca

Rubano i dati del suo conto online, sventata una truffa Aprono un conto corrente con accesso «on line banking» alla Carige di Silea. Solo dopo 24 ore cercano di ritirare uno strano bonifico di 11.985 euro appena girato sul conto, il vicedirettore scopre una truffa telematica. Doppia truffa telematica ai danni di un ignaro professiore universitario in pensione di Roma, 5 pregiudicati finiscono denunciati a piede libero.

Erano riusciti a rubare i dati del suo conto corrente on line per accreditarsi decine di migliaia di euro. Ma la truffa virtuale ai danni di un correntista della Carige è stata sventata dai carabinieri di Treviso che hanno denunciato i cinque complici. Mente informatica del raggiro un padovano di 31 anni con precedenti specifici. A scoprire la truffa messa in atto è stato il vicedirettore della filiale di Silea della Banca Carige che ha notato un’operazione sospetta.

Lo scorso 24 novembre, il vicedirettore della Carige di Silea si presenta ai carabinieri, segnalando quella che ritiene una operazione quanto meno strana: il giorno precedente, alla sua filiale, si era recato un signore distinto per aprire un conto corrente con la possibilità di fare operazioni di movimentazione soldi anche attraverso il computer di casa, l'«on line banking» insomma. E solo il giorno dopo aver aperto il conto, aveva chiesto il ritiro di un bonifico appena girato sul nuovo conto, della bellezza di 11.985 euro, proveniente dall'agenzia 3 della Carige di Roma. Il signore pretendeva che la somma gli fosse girata attraverso 2 assegni circolari di 4 mila e 3 mila euro, intestati a due persone diverse, e 4 mila euro in contanti. I restanti 985 euro sarebbero rimasti sul conto.

Il giorno successivo è scattata la trappola: ad attendere i complici fuori dalla filiale, dopo il ritiro del contante, c’erano infatti i carabinieri. Identica truffa è stata sventata anche nelle filiali Carige di Quinto, nel Trevigiano, Monselice ed Este nel Padovano e a Jesolo.

Fonte: corrieredelveneto.corriere.it

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle