Impedimento si, impedimento no: indiscrezioni di fine anno

mercoledì 29 Dicembre 2010 - Politica

Impedimento si, impedimento no: indiscrezioni di fine anno A due settimane dal parere, sembra che la cosulta produrrà una sentenza interpretativa di rigetto, che manterrà la legge-scudo per il Cavaliere, ma restituisce al magistrato il potere di dire "questo impedimento vale, questo no". Il giudice Mazzella - che a pochi mesi dalla decisione sul lodo Alfano, nel maggio 2009, ospitò nel suo appartamento il Premier e Alfano - scrive ai colleghi della Consulta caldeggiando il sì allo scudo

Manca ancora parecchio, circa due settimane, ma è già tempo di fare il punto sul prossimo passaggio politico di una certa rilevanza: la decisione della Corte Costituzionale sul legittimo impedimento.

Il giorno X sarà l’undici gennaio, data in cui la Consulta si esprimerà definitivamente sulla possibilità da parte delle alte cariche dello Stato di invocare “attività comunque coessenziali alle funzioni di governo” per evitare di comparire in aula, imponendo la sospensione o il rinvio del dibattimento.

E anche se onestamente appare quasi wscontato il pronunciamento in senso negativo del massimo organo della magistratura, non mancano le opinioni filogovernative, come quella del famoso giudice Mazzella, già messo sotto la gogna per una cena con Berlusconi e altro.

Mazzella ha già annunciato ufficialmente il proprio voto favorevole, atto cui le alte toghe hanno risposto “Così aumenta il nostro senso di solitudine e rischiano di rafforzarsi le pressioni dei nostri confronti”. D’altronde è evidente che si tratterà di una scelta puramente politica, in un senso o nell’altro, non sussistendo ragioni giurisprudenziali chiare a favore o contro.

PolisBlog.it

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle