PokerMania: scoperta a Padova una bisca clandestina

lunedì 31 Gennaio 2011 - Cronaca

PokerMania: scoperta a Padova una bisca clandestina La polizia di Padova ha scoperto una bisca clandestina gestita da cinesi, e dopo aver compiuto indagini con l'intervento di agenti infiltrati mescolati tra i giocatori, è stata compiuta una retata. Gli avventori del circolo sono stati tutti identificati, mentre il presidente e il legale rappresentante, entrambi italiani, e i gestori di fatto, cinesi, sono stati denunciati. Il circolo è invece stato sequestrato.

Le indagini sono state condotte con degli agenti che si sono infiltrati tra i frequentatori del circolo. Presto di sono accorti di due stanze “speciali”, poste nel retro del club e separate dal resto del locale dove si svolgevano le attività per così dire lecite. In una di queste due stanze sono stati trovati apparecchi dove poter giocare a poker e, nella stanza adiacente, si cambiavano contanti con delle fiches per poter successivamente unirsi a chi giocava a carte.

Per sfortuna dei gestori del club, proprio in quel momento era in atto una partita di poker. Il circolo è stato così sequestrato e ora sono tutti indagati a piede libero i gestori, dei cittadini cinesi con precedenti, il presidente e il legale rappresentante, entrambi italiani, nonché identificati tutti i frequentatori del posto.

Solo qualche giorno fa un’altra bisca clandestina è stata scoperta a Fagnano Olona, in provincia di Varese, all’interno di un bar che era stato trasformato dal titolare. Otto postazioni, dette “totem”, collegate a un sito internet attraverso il quale gli avventori potevano scommettere abusivamente e giocare d’azzardo. Denunciato il titolare, a cui è stata sospesa la licenza per 15 giorni.

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle