Bail in e inchieste gravano sul bilancio di Veneto Banca

mercoledì 10 Febbraio 2016 - Economia

Bail in e inchieste gravano  sul bilancio di Veneto Banca  Emorragia di 882 milioni. Ma i coefficienti patrimoniali risalgono: «Ci rafforzeremo

 MONTEBELLUNA (TREVISO) Non è certo uno spettacolo ma non è neppure così disastroso, come da scenari pronosticati alla vigilia, lo schema di bilancio preliminare 2015 di Veneto Banca, licenziato nella serata di martedì dal Consiglio di amministrazione e che sarà reso definitivo nella seduta del 19 febbraio prossimo. La perdita, senza sorprese, è importante e cioè pari a 882 milioni sui quali pesano rettifiche su crediti per 754.

Scende con evidenza poi la raccolta diretta anche se, rispetto a quanto accaduto alla «cugina» di Vicenza, la fuga dei depositanti ha avuto un andamento diverso. L’effetto di Guardia di Finanza e Vigilanza, a inizio anno, ha fatto scendere i 24,6 miliardi di fine 2014 ai 23,4 di giugno, dato che è risalito di 500 milioni a settembre per poi scivolare giù a 22,5 del 31 dicembre per i timori connessi al «bail in» ed alle inquietudini aggregate dal panorama bancario nazionale. A Montebelluna risalgono tuttavia, rispetto a settembre, i coefficienti patrimoniali (Cet1 a 7,23% e Total capital ratio a 9,06%) mentre, sul fronte degli impieghi netti, si registra in un anno una flessione del 4,7% a 22,7 miliardi «ascrivibile sia all’adozione di politiche maggiormente prudenziali con alcun soggetti affidatari che alla domanda di credito ancora non particolarmente vivace»

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle