Stazione Vicenza un progetto fallito

giovedì 26 Novembre 2015 - Economia

Stazione Vicenza   un progetto fallito  Negozi chiusi alla stazione di Vicenza

 Una stazione ospitale, accogliente, ricca di servizi? Non a Vicenza. Almeno, non era così che Centostazioni la immaginava quando vennero spesi 2 milioni e 400 mila euro per il progetto di recupero e ristrutturazione. «Daremo alla città un complesso ferroviario più funzionale, sicuro accessibile e dotato di negozi utili per i frequentatori», scrissero allora i progettisti. Correva l’anno 2005 (il cantiere ufficialmente aprì l’estate precedente), ma i lavori iniziarono solo a febbraio. Andarono avanti a singhiozzo, ma vennero eliminate le barriere architettoniche, realizzati i percorsi per i non vedenti, risistemato il sottopassaggio, messi a norma gli impianti, ripresi gli intonaci nell’intento di valorizzare l’aspetto originale dei locali della stazione berica con l’arretramento anche della biglietteria. I lavori proseguirono per quasi due anni non senza polemiche da parte dei lavoratori e degli utenti. Ci furono anche interrogazioni comunali

Scrivi il tuo commento all'articolo

   

Se le lettere non fossero abbastanza chiare, premere F5 per cambiarle